lunedì 7 febbraio 2011

" SSSSSSS "

La città che sale ( Boccioni 1910 - 11 )


E’ la scintilla della simultaneità futurista, sovrapposizione di immagini attuali e ricordate che si ripetevano in più punti nella tela: “La città che sale”. 


Dorme la città
tace
è silenzio fastidioso 


ne' respiro l'impalpabile polvere
 calmo 
albeggia il giorno


risveglia rumori
risuonano le strade
sale la città 

sembra urlare alla vita.

Cresy Crescenza
( Diritti Riservati)

Copyright©2011 Inedita
Tutti i diritti riservati

Info ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.